Il sito web utilizza i cookie, anche di terzi, per aiutare a migliorare i servizi, e le informazioni ai suoi lettori.
Per ulteriori informazioni sui cookies e su come vengono utilizzati, consultare la nostra pagina di informazioni su Privacy Policy.
Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali.

Finto l'allarme su Facebook per "Francesca Capone"

Scritto da Riccardo
Visite: 707
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

hoaxSi chiamano "Hoax" o se preferite "bufale" quei messaggi che spesso vengono inviati per mail, o fatti circolare sui social networks come Facebook, con lo scopo di spaventare, allarmare o comunque mettere in guardia gli ignari utenti che senza saperlo ripostano, rispediscono il messaggio, creando così una grande catena di Sant'Antonio su una notizia completamente falsa e priva di fondamento. Attualmente continua a girare su facebook un "hoax" su una presunta Francesca Capone che in realtà sarebbe un virus; il testo recita così:

Leggi tutto...

I Certificati pericolosi di Adobe

Scritto da Riccardo
Visite: 484
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

adobelogoUna falla presente in un server di Adobe, usato per la certificazione dei suoi prodotti, ha permesso ad ignoti hacker di impossessarsi di alcuni certificati digitali di Adobe che venivano utilizzati da alcuni software per Windows e da tre applicazioni Adobe AIR per Windows e Mac.

Leggi tutto...

0 Day nuova falla di Internet Explorer

Scritto da Riccardo
Visite: 482
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

ie logoUna nuova vulnerabilità 0-day è stata riscontrata nel browser Internet Explorer nelle versioni 6, 7, 8 e 9 (esente solo nella 10 presente però solo in Windows 8). Microsoft ha riscontrato la vulnerabilità e ammesso che sfruttando la falla in IE  un malintenzionato attraverso il trojan Poison Ivy sia in grado di corrompere la memoria del sistema ed eseguire di conseguenza codice arbitrario sul computer della vittima ignara di tutto. Poiché al momento non è ancora pronta una patch che chiuda la falla, Microsoft ha messo a disposizione un utility gratuita:

Leggi tutto...

GO DADDY messo sotto scacco da Anonymous

Scritto da Riccardo
Visite: 455
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

godaddy250Go Daddy, uno dei più grandi registrar di domini internet in tutto il mondo ha subito un attacco DDoS che ha messo fuori uso i suoi DNS per più di 4 ore e recato disservizi vari a e-mail e servizi di web hosting.

Dall'account Twitter @AnonymousOwn3rviene rivendicato l'attacco anche se l'autore conferma di aver agito da solo e non come membro di Anonimous.

 Nel frattempo i tecnici di Go Daddy stanno trasferendo i loro servizi DNS presso un'altra struttura in attesa di verificare il bug nella infrastruttura dei DNS che ha permesso l'attacco DDoS

 

 

URI malevoli, Firefox ed Opera ancora vulnerabili

Scritto da Riccardo
Visite: 545
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

urlHenning Klevjer, studente dell'Università di Oslo, ha sfruttato un vecchio bug noto sugli URI (Uniform Resource Identifier) testandolo nelle versioni più recenti dei browser maggiormente usati;

solo Google Chrome ha bloccato l'esecuzione dello script, Firefox ed Opera hanno eseguito tranquillamente il codice mentre Internet Explorer (6/7) è andato in crash.

Leggi tutto...

GAUSS la nuova cyber-minaccia

Scritto da Riccardo
Visite: 678
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

virus infoKaspersky Lab e ITU Research hanno scoperto una nuova minaccia, al momento attiva nell'area medio-orientale del nostro pianeta. Il malware in questione è stato progettato e sviluppato per realizzare il furto di dati sensibili, con una particolare predilezione per le password dei browser,

le credenziali relative agli account di banking online, i cookies e le configurazioni delle macchine da esso infettate. Gli esperti di Kaspersky così sintetizzano le caratteristiche di gauss:

Leggi tutto...

Il malware che suona gli AC/DC

Scritto da Riccardo
Visite: 2029
img acdc
AC/DC
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

Un ciberattacco è stato lanciato verso i computer del centro iraniano per l'energia nucleare compromettendo le infrastrutture e l'hardware SCADA Siemens. Immediato l'intervento del Chief Research Officer di F-Secure Mikko Hypponen avvisato tramite email della violazione al sistema. I ricercatori iraniani hanno inoltre raccontato che nel cuore della notte tutti i computer del centro avrebbero iniziato a suonare la base di una nota canzone del gruppo australiano AC/DC.

Mikko Hypponennon ha ancora confermato il ciberattacco ne tantomeno la musica nei computer, l'unica cosa certa è che la mail arrivava proprio dal AEOI (Organizzazione dell'energia atomica iraniana).

 

Yahoo conferma: sottratte 400.000 password

Scritto da Riccardo
Visite: 643
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

yahoo logo itIl sito in viola conferma il furto, attraverso la tecnica della "Sql injection", di circa 400.000 indirizzi mail e password anche se solo il 5% risultano effettivamente attivi; Yahoo sta mettendo in atto tutte le procedure del caso per avvisare gli utenti colpiti.
La società esperta in sicurezza Eurosecure riscontra che le password più usate in questi account sono "123456" e "password" (password in ogni caso da evitare assolutamente in ogni possibile registrazione in quanto troppo banali ecompletamente non sicure).

Leggi tutto...

Il clone di Alitalia è fasullo

Scritto da Riccardo
Visite: 2142
img alitalia fake
Alitalia Fake
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

La nostra compagnia aerea di bandiera è riuscita, attraverso una formale denuncia alla Polizia Postale, ad oscurare un sito fake il quale riportava la stessa interfaccia del sito ufficiale di Alitalia ed in questo modo tentava di trarre in inganno il visitatore che convinto di essere sul sito ufficiale magari tentava di effettuare una prenotazione online utilizzando la sua carta di credito. A dire il vero il sito-fake sembra essere ancora attivo al momento, richiamandolo infatti si viene reindirizzati verso un altro sito-fake (vedi foto).

Leggi tutto...