Il sito web utilizza i cookie, anche di terzi, per aiutare a migliorare i servizi, e le informazioni ai suoi lettori.
Per ulteriori informazioni sui cookies e su come vengono utilizzati, consultare la nostra pagina di informazioni su Privacy Policy.
Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali.

La Botnet Kelihos è stata chiusa

Scritto da Riccardo
Visite: 467
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

mac defender trojan

Kelihos era una botnet (una rete di computer infetti collegati in internet e controllati da un unica entità che ne assume il controllo da remoto) che coinvolgeva circa 40.000 pc i quali distribuivano giornalmente quasi 4 miliardi di spam, oltre a detenere materiale pedopornografico ed il famoso fake antivirus per Mac chiamato "MacDefender, MacProtector o MacSecurity".

Leggi tutto...

Malware vs Windows pirata

Scritto da Riccardo
Visite: 520
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

Panda Security ha confermato l'esistenza di un trojan che se installato Ranson su una copia non legale di Windows fa appparire una finestra fake di windows, minacciando l'utente di mettersi in regola entro 48 ore attraverso il pagamento online di una somma per l'acquisto di un codice di sblocco.

Leggi tutto...

Hacker contro nokia

Scritto da Riccardo
Visite: 533
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

sqlinjectionUn attacco di tipo SQL injection ha messo in ginocchio il forum di discussione dei Nokia Developers.

Gli hacker sono riusciti ad entrare nel database dove erano contenuti dati quali gli indirizzi email degli sviluppatori e, dove presenti,  le date di nascita, gli URL del sito personale, i nomi utente per AIM, ICQ, MSN, Skype o Yahoo. Nokia dichiara che passwords e numeri di carta di credito non sono state violate in quanto non presenti nel database.

Leggi tutto...

Attacco hacker al Sappe

Scritto da Riccardo
Visite: 387
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

polizia penitenziaria Hacker violano il sito del Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria.

Lulzsec Italy legati al movimento Anonymous motivano il loro atto come una protesta contro le condizioni in cui versano le nostre carceri, mentre il segretariodel sindacato Donato Capece sottolinea come gli hacker abbiano preso di mira un sindacato «da sempre in prima linea sulle problematiche penitenziarie e di chi nelle carceri lavora in prima linea».

fonte: Adnkronos