Il sito web utilizza i cookie, anche di terzi, per aiutare a migliorare i servizi, e le informazioni ai suoi lettori.
Per ulteriori informazioni sui cookies e su come vengono utilizzati, consultare la nostra pagina di informazioni sui cookies.
Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali.

password

  • Sorpasso in vetta alla classifica delle password più banali circolanti in rete, la combinazione "123456" detronizza la parola "password" che nel 2012 era in testa alla classifica. [continua]

     

  • I dati di accesso a GMail, completi di nome utente e password, sono comparsi in rete e pubblicati sul forum Bitcoin Security dove risulta ancora il file di testo ma "ripulito dei dati sensibili".

    Dal contenuto del file si evince che buona parte degli account pubblicati appartiene ad utenti russi, i responsabili della sicurezza per Google GMail, interpellati, hanno dichiarato di non sapere al momento come siano stati rubati i dati di accesso agli account gmail ma si sono attivati per ricercare eventuali bug nel loro sistema che abbia permesso questo furto di dati sensibili.

  • Un errore nella programmazione del meccanismo per il recupero della password può permettere il reset di un qualsiasi account Skype a condizione di conoscere email e username dell'utente, avendo così libero accesso all'identità del soggetto colpito.

  • Microsoft Word è un buon word processor ovvero un programma di elaborazione testi. Il programma  permette di scrivere, memorizzare e stampare un testo, recuperarlo, correggerlo o integrarlo e ristamparlo senza bisogno di riscriverlo nuovamente. Spesso però, presi dalla scrittura di un testo ci accorgiamo che sbadatamente avevamo lasciato attivo il "CAPS LOCK", ora ci ritroviamo un testo magari anche piuttosto lungho tutto in maiuscolo... che facciamo?

  • yahoo logo itIl sito in viola conferma il furto, attraverso la tecnica della "Sql injection", di circa 400.000 indirizzi mail e password anche se solo il 5% risultano effettivamente attivi; Yahoo sta mettendo in atto tutte le procedure del caso per avvisare gli utenti colpiti.
    La società esperta in sicurezza Eurosecure riscontra che le password più usate in questi account sono "123456" e "password" (password in ogni caso da evitare assolutamente in ogni possibile registrazione in quanto troppo banali ecompletamente non sicure).