Il sito web utilizza i cookie, anche di terzi, per aiutare a migliorare i servizi, e le informazioni ai suoi lettori.
Per ulteriori informazioni sui cookies e su come vengono utilizzati, consultare la nostra pagina di informazioni sui cookies.
Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali.

firefox

  • crashsafariUn vecchio bug, scoperto ad Aprile 2015 ma al momento non ancora risolto, manda in crash i principali browser di navigazione come Firefox, Chrome e Safari su piattaforma Apple e Android. Navigando su una pagina creata ad hoc che sfrutta l'API "history.pushState()" e poche righe di codice in JavaScript infatti il browser Safari su iOS e su OS X si riavvia, ma anche Chrome su Android, iOS, OS X e Windows, mentre il browser Firefox per Windows e per Android avverte l'utente di uno script pericoloso e chiede di terminarlo. L'unico che al momento sembra non essere affetto dal bug è il nuovo browser Edge.

  • firefox logo smallEra uscita solo un giorno fa la nuova versione del popolare browser quando il team di sviluppo di Mozillasi è accorto che conteneva una grave falla per la sicurezza; attraverso una pagina web appositamente modificata era infatti possibile ottenere l'elenco dei siti web visitati dall'utente di Firefox 16 avendo accesso anche ai parametri contenuti nei vari URL.

  • Rilasciata da poco la versione 54 di Firefox, tra le novità di spicco notiamo la possibilità di gestire il multiprocesso nel browser del panda rosso.

    Di fatto però la sandbox non è quasi mai attiva automaticamente, per utilizzarla dobbiamo per forza procedere modificando alcuni parametri del browser, ma procediamo con ordine:

    La prima cosa verifichiamo se l'opzione Finestre multiprocesso sia attivata e, nel caso, la attiviamo; andiamo sulla barra degli indirizzi e digitiamo "about:support" e cerchiamo la voce "Finestre multiprocesso"; controlliamo che il valore della colonna a fianco sia 1/1.

    Nella maggior parte dei casi sarà 0/1 in quanto qualche addon del browser non è compatibile con la sandbox e blocca l'attivazione del multiprocesso, se invece risulta 1/1 (attivato automaticamente) allora il multiprocesso è attivo e non bisogna intervenire manualmente.

    Cosa fare per attivarre il multiprocesso manualmente?

  • Mozilla ha rilasciato a dicembre 2015 la versione a 64 bit del suo popolare browser di navigazione per i Sistemi Operativi Windows e Linux (per OS X al momento non è disponibile). La versione che però viene installata di default è la versione a 32 bit, quindi se avete il vostro Sistema Operativo a 64 bit è consigliabile scaricare la versione appropriata di firefox 64 bit (qui il link al download ufficiale).

    Utilizzare la versione a 64 bit di Firefox è infatti consigliata per tutti coloro che hanno l'architettura del proprio processore all'interno del pc a 64 bit, oltre naturalmente ad avere a 64 bit anche la versione del Sistema Operativo, in modo da avere un browser sicuramente più performante, più sicuro e che sfrutti al massimo l'architettura a 64 bit.firefox 64bit

  • Dopo gli ultimi fatti accaduti della fuga di dati da HackingTeam i due Browser bloccano automaticamente i plugins di Flash ritenuti obsoleti, non permettendo di caricare eventuali animazioni presenti nelle pagine web. Per ovviare al problema potete collegarvi al sito ufficiale di ADOBE e scaricare l'ultima versione qui https://get.adobe.com/flashplayer/?loc=it&promoid=KLXMF

  • firefox logo smallE' stata scoperta una nuova vulnerabilità per i prodotti di Mozilla (Firefox e Thunderbird), la libreria incriminata è la "libpng" contiene un exploit che permetterebbe ad un malintenzionato di creare delle immagini fatte ad hoc e portare all'esecuzione di codice arbitrario in remoto.

  • La nuova release del popolare browser è pronta da ieri per il download. Gli ultimi aggiornamenti non avevano interessato molto l'interfaccia grafica, con questo nuovo aggiornamento troviamo la  pagina home rivista, nuovi protocolli e un avvio più rapido. Cliccando su una nuova scheda troviamo subito la prima novità:

  • urlHenning Klevjer, studente dell'Università di Oslo, ha sfruttato un vecchio bug noto sugli URI (Uniform Resource Identifier) testandolo nelle versioni più recenti dei browser maggiormente usati;

    solo Google Chrome ha bloccato l'esecuzione dello script, Firefox ed Opera hanno eseguito tranquillamente il codice mentre Internet Explorer (6/7) è andato in crash.