Il sito web utilizza i cookie, anche di terzi, per aiutare a migliorare i servizi, e le informazioni ai suoi lettori.
Per ulteriori informazioni sui cookies e su come vengono utilizzati, consultare la nostra pagina di informazioni sui cookies.
Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali.

fake

  • falsa aruba

    In questi giorni stanno arrivando delle mail che, solo apparentemente, vengono inviate dal noto servizio di Hostin Aruba.

    Le mail mantengono stile, formattazione e logo dell'Azienda, anche il testo scritto in italiano recita così:
    "Abbiamo incontrato un problema di fatturazione. Vi avvisiamo che dovete aggiornare il vostro profilo servizio clienti aruba. Per procedere scaricate documento allegato e seguite le indicazioni :"

  • apple truffaContinuano a circolare su Facebook false promozioni su prodotti di grido per attirare il maggior numero di utenti. Esempio recente:
    "Abbiamo ricevuto XX iPhone 5 16GB che non possono essere venduti perché non sono sigillati. Per questo motivo, stiamo facendo una lotteria su questa pagina! Tutto quello che dovete fare è completare i semplici passi qui sotto per partecipare!

    • Fase 1. Metti "Mi piace" alla foto e alla pagina
    • Passo 2. Condividi questa foto.
    • Passo 3. Commento colore nero / bianco

    Naturalmente una volta messo un "like" non succederà assolutamente nulla, queste truffe (e sue varianti) circolano spesso sui Social Network con lo scopo di accaparrarsi il maggior numero di "like".

  • La nostra compagnia aerea di bandiera è riuscita, attraverso una formale denuncia alla Polizia Postale, ad oscurare un sito fake il quale riportava la stessa interfaccia del sito ufficiale di Alitalia ed in questo modo tentava di trarre in inganno il visitatore che convinto di essere sul sito ufficiale magari tentava di effettuare una prenotazione online utilizzando la sua carta di credito. A dire il vero il sito-fake sembra essere ancora attivo al momento, richiamandolo infatti si viene reindirizzati verso un altro sito-fake (vedi foto).

  • Proteggere i propri smartphone è un operazione necessaria essendo uno strumento pieno di dati sensibili, utilizzare un antivirus è ormai una necessità per evitare app pericolose o script pericolosi sul web; ma attenzione, potrebbe essere proprio l'antivirus (spacciato per tale) a dare problemi di sicurezza. E' il caso di "Virus Shield", una app presente nello store di Google Play (almeno sino al 6 aprile c.m.); questa app al modico costo di 4$ permetteva di scansionare il proprio device per controllare... nulla praticamente :-).

    Interessante scoprire che, salvo possibili manipolazioni per aggiungere false recensioni sul prodotto, circa 100.000 utenti hanno acquistato l'app attirati soprattutto dall'essere un prodotto molto leggero e senza richiesta di autorizzazioni particolari per il controllo dello smartphone, arrivando ad essere in vetta alle app più acquistate presso lo Store di Google. Per fortuna l'app sembra non contenere codice nocivo come si può evincere qui e qui.