Il sito web utilizza i cookie, anche di terzi, per aiutare a migliorare i servizi, e le informazioni ai suoi lettori.
Per ulteriori informazioni sui cookies e su come vengono utilizzati, consultare la nostra pagina di informazioni su Privacy Policy.
Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali.

Firefox e Chrome bloccano Flash

Scritto da Riccardo
Visite: 1522
img Adobe
Logo Adobe
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

Dopo gli ultimi fatti accaduti della fuga di dati da HackingTeam i due Browser bloccano automaticamente i plugins di Flash ritenuti obsoleti, non permettendo di caricare eventuali animazioni presenti nelle pagine web. Per ovviare al problema potete collegarvi al sito ufficiale di ADOBE e scaricare l'ultima versione qui https://get.adobe.com/flashplayer/?loc=it&promoid=KLXMF

Iphone vs lingua araba

Scritto da Riccardo
Visite: 1861
img iphone
iphone
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

E' stata scoperta una vulnerabilità nel sistema di notifiche di iOS, basta basta infatti una sequenza di caratteri arabi per determinare il continuo crash e riavvio dell'iPhone; il problema sembra essere localizzato nel sistema di notifiche, incapace di processare la stringa di caratteri Unicode arabi a mezzo API CoreText.

La stringa incriminata è: Power + "invio" + لُلُصّبُلُلصّبُررً ॣ ॣh ॣ [omissis], ho tolto alcuni caratteri per evitare che qualche buontempone si diverta a far crashare gli iCosi dei propri amici, come sta succedendo a molti utenti della mela.

Se il vostro apparecchio si riavvia in continuazione fatevi spedire un altro messaggio con testo semplice oppure una immagine allegata, dovreste riuscire a riprendere il controllo del vostro device.

Al momento Cupertino sta lavorando per produrre una patch al problema.

AGGIORNAMENTO 29/05/2015:
Al momento non è uscito un "fix" ufficiale per risolvere il problema, ma i tecnici della mela consigliano una procedura per risolvere temporaneamente il riavvio del device.
1) Avviare "SIRI" per fare leggere all'assistente vocale i messaggi non letti
2) Rispondere al messaggio che causa il crash del telefono
3) Una volta aperto imessage effettuare un'operazione di swiping verso sinistra così da cancellare l'intera conversazione oppure tenere premuto sul messaggio stesso confermando poi l'eliminazione.

Il virus dell'Agenzia delle Entrate

Scritto da Riccardo
Visite: 1949
img ag.entrate
Agenzia Entrate
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 5.00 (1 Voto)

Sta circolando in rete una nuova minaccia che sembra provenire dall'Agenzia delle Entrate.
L'avviso recita pressapoco così: "... Si invitano tutte le persone fisiche e giuridiche a visionare e seguire con rigore Le Linee Guida fornite  dall'Agenzia delle Entrate (in allegato). "
La mail contiene quindi una ipotetica "Linea guida" che viene consigliata ed il logo dell'Agenzia per dare maggiore credibilità, inutile dire che l'allegato è un virus.
La stessa Agenzia delle Entrate ha segnalato (anche se non molto in vista) il problema con un avviso sul sito ufficiale che trovate qui.

GMail, svelate 5 milioni di password

Scritto da Riccardo
Visite: 2186
img gmail
Logo GMail
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 5.00 (1 Voto)

I dati di accesso a GMail, completi di nome utente e password, sono comparsi in rete e pubblicati sul forum Bitcoin Security dove risulta ancora il file di testo ma "ripulito dei dati sensibili".

Dal contenuto del file si evince che buona parte degli account pubblicati appartiene ad utenti russi, i responsabili della sicurezza per Google GMail, interpellati, hanno dichiarato di non sapere al momento come siano stati rubati i dati di accesso agli account gmail ma si sono attivati per ricercare eventuali bug nel loro sistema che abbia permesso questo furto di dati sensibili.

Lo Star N9500 con il malware dentro

Scritto da Riccardo
Visite: 5350
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

star s9500Il clone cinese dello smartphone Samsung Galaxy S4 chiamato Star N9500 contiene un malware preinstallato nel suo sistema operativo.

La scoperta è stata fatta da GData individuando il malware "Uupay.D trojan" in un servizio che apparentemente assomiglia a Google Play Store ma non lo è, inoltre è completamente integrato nel sistema operativo e di difficilissima rimozione.

Leggi tutto...

Evernote sotto attacco DDoS

Scritto da Riccardo
Visite: 2079
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

Evernote LogoLa nota app per prendere appunti sullo smartphone, sincronizzando i dati con i vari dispositivi e offline, è sotto attacco DDoS come la stessa casa ha ammesso con un tweet, il disservizio ha intasato i server di Evernote impossibilitando così gli utenti ad utilizzare il servizio. Con un secondo tweet gli autori della app hanno rassicurato i propri utenti che il servizio è stato ripristinato, anche se per raggiungere la piena attività ci vorranno 24 ore circa, e che l'attacco non ha riguardato la sottrazione di dati sensibili degli account dei clienti.

Ebay attaccato da cybercriminali, a rischio le password

Scritto da Riccardo
Visite: 1252
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

ebay logo detailIl famoso sito di aste on line finisce sotto l'attacco dei cybercriminali, compromesso un database dove erano contenuti i nomi, le password, gli indirizzi email, l'indirizzo fisico, il numero di telefono e la data di nascita di  un certo numero di utenti-clienti eBay.

La stessa eBay si è attivata per consigliare ai propri utenti il cambio delle password tramite email assicurando che l'attacco ha riguardato solo quel database senza compromettere informazioni finanziarie o carte di credito.

Se l'attacco in sé probabilmente non lascia sorprese molte persone la cosa invece più grave è come mai la notizia (tra l'altro abbastanza nascosta, ne trovate tracce qui e qui) comunicata oggi si riferisce a fatti avvenuti tra la fine di febbraio e marzo 2014.

Occhio al ransomware per Android!

Scritto da Riccardo
Visite: 2813
img ransomware
Android Ransomware
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 5.00 (1 Voto)

Eravamo abituati a vederlo nei nostri Computer, il ransomware con la sua pagina minacciosa dove varie Autorità Nazionali (vedi virus Guardia di Finanza) ci avvisavano di averci bloccato il PC in quanto usato per attività criminose (addirittura!) e per sbloccarlo bisognava pagare un certo importo (da qui il nome ransom); ecco ora ripresentarsi sulle piattaforme dei nostri amati smartphone.

Android.Trojan. Koler.A, questo il nome della variante per Android (il sistema operativo operante su buona parte degli smartphone in circolazione), cerca di installarsi nell'apparecchio ingannando l'utente, sostenendo di essere un lettore video utilizzato per l'accesso (privilegiato) a determinati contenuti video. Questo trucco viene utilizzato a causa dell'impossibilità per una app di autoinstallarsi (cosa che invece avveniva tranquillamente con la versione per PC); una volta installato il ransomware apre una pagina del browser visualizzando un logo generico mentre nel frattempo, l'APK chiama uno degli oltre 200 domini noti per essere coinvolti nel sistema inviando anche IMEI del dispositivo.
Il server identifica la posizione della vittima tramite il suo IP e risponde con la pagina HTML localizzata nella lingua della vittima: [continua]

 

Leggi tutto...

Virus Shield per Android è un Fake!

Scritto da Riccardo
Visite: 2107
img virusshield
VirusShield
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 0.00 (0 Voti)

Proteggere i propri smartphone è un operazione necessaria essendo uno strumento pieno di dati sensibili, utilizzare un antivirus è ormai una necessità per evitare app pericolose o script pericolosi sul web; ma attenzione, potrebbe essere proprio l'antivirus (spacciato per tale) a dare problemi di sicurezza. E' il caso di "Virus Shield", una app presente nello store di Google Play (almeno sino al 6 aprile c.m.); questa app al modico costo di 4$ permetteva di scansionare il proprio device per controllare... nulla praticamente :-).

Interessante scoprire che, salvo possibili manipolazioni per aggiungere false recensioni sul prodotto, circa 100.000 utenti hanno acquistato l'app attirati soprattutto dall'essere un prodotto molto leggero e senza richiesta di autorizzazioni particolari per il controllo dello smartphone, arrivando ad essere in vetta alle app più acquistate presso lo Store di Google. Per fortuna l'app sembra non contenere codice nocivo come si può evincere qui e qui.